wonderful-family1

7 dicembre 2015
di Elle
0 commenti

WONDERFUL FAMILIES

“È più facile costruire bambini forti che riparare uomini rotti” (Frederick Douglass)

In una fredda domenica di pioggia abbiamo messo insieme quattro bambini di 6 anni, abbiamo scelto un gioco che si chiama WONDERFUL FAMILIES e abbiamo fatto un esperimento. Continua a leggere →

Logo_Famiglie_arcobaleno

12 novembre 2015
di Elle
0 commenti

#FIGLISENZADIRITTI

La campagna social lanciata da Famiglie Arcobaleno ci ricorda come, al di là delle chiacchiere e dei rumori della politica, l’emergenza siano i diritti negati a centinaia di bambini italiani.

L’Associazione Famiglie Arcobaleno è un’associazione nata in Italia nel Marzo del 2005 che riunisce persone omosessuali in coppia e single, che hanno realizzato o aspirano a realizzare il proprio progetto di genitorialità.

Questa associazione, della quale anche noi facciamo orgogliosamente parte, ha appena lanciato una maratona attraverso Facebook e Twitter : #figlisenzadiritti.

 A noi preme innanzitutto promuovere quanto più possibile questa bella campagna, che speriamo arrivi a diffondersi a macchia d’olio e poi vorremmo fare una veloce riflessione sulla situazione italiana in questo momento.

Continua a leggere →

image

13 ottobre 2015
di Elle
0 commenti

ADESSO BASTA

Non possiamo più permetterci che si continui a discutere, chiacchierare e rimandare… È sulla nostra pelle e su quella dei nostri figli che si gioca la partita. E noi adesso siamo davvero stanchi di ipotecare ciò che abbiamo di più caro in attesa di un riconoscimento che ci è dovuto.

Sto per partire per una trasferta di lavoro all’estero e come tutti i genitori del mondo, mi preoccupo che nella settimana in cui sarò via, a mio figlio non manchi niente. Abbiamo preparato e congelato le creme di verdura, lavato i vestitini e messo a punto con l’altra mamma il programma per i giorni in cui sarà da sola. C’è qualcosa che mi assilla però e che purtroppo non può essere risolto. Io prenderò un aereo e la madre che rimane a casa, per lo stato in cui vivo, non esiste. La madre che rimarrà a casa con nostro figlio, per lo stato in cui viviamo, è considerata al pari del vicino di casa. Se succedesse qualcosa, per lo stato in cui vivo, è un po’ come se avessi lasciato mio figlio completamente solo… Questo è uno di quei limiti pratici di cui non ci stancheremo mai di parlare, questa è uno di quei paradossi quotidiani contro i quali ci scontriamo.
I nostri figli ESISTONO e hanno il diritto di essere tutelati al pari di tutti gli altri minori. Oltre l’ipocrisia dei vostri slogan, come pensate di difendere davvero i bambini da un vuoto legislativo che li punisce, li umilia e li priva di tutele concrete? Meditate!

image
Non chiediamo i diritti per semplice orgoglio, ma per rispondere a necessità reali che minano la tranquillità e la serenità dell’esistenza delle nostre famiglie.
Siamo stanchi di tutte le promesse non mantenute. Siamo indignati per le bugie. Siamo disgustati dalla superficialità e dalla cialtroneria con la quale la politica sta passando sopra i diritti dei nostri figli, delle nostre famiglie e dei nostri affetti. Siamo basiti per la leggerezza con la quale si lede la dignità umana. Siamo attoniti di fronte al dilagare dell’ignoranza e della disinformazione e di come l’ottusità armi campagne di odio che restano impunite. Riconoscere i diritti delle persone omosessuali non riguarda gli omosessuali, è una battaglia di civiltà che coinvolge un paese intero, è un dovere morale al quale ogni persona di buon senso è chiamata. È finito il tempo delle parole, ora servono i fatti.

È il tempo che ci venga riconosciuto ciò che ci spetta di diritto, ad ogni costo e ADESSO! #dirittisubito

mail

31 luglio 2015
di Elle
0 commenti

LA RISPOSTA DI MONICA CIRINNÀ

Pubblichiamo la spiegazione che abbiamo ricevuto via mail da parte di Monica Cirinnà, in relazione al nostro post.

« Carissime, 

so bene che questa non è la legge che vorremmo. Io stessa ho sottoscritto e sostenuto il ddl 15 sul matrimonio egualitario e il ddl 1422 sulla responsabilità genitoriale congiunta sin dalla nascita. Il testo base sulle unioni civili non prevede né l’uno né l’altra. Sono i limiti di questa proposta, lo sappiamo tutte e tutti, come sappiamo che oggi non si riesce a costruire una maggioranza in Parlamento su un’ipotesi più avanzata. Entro questi limiti, però, stiamo definendo una proposta chiara, che riconosca tutti i diritti sociali previsti dal matrimonio e dia comunque ai bimbi arcobaleno la garanzia di un rapporto legale con entrambi i genitori.

Continua a leggere →

image

22 luglio 2015
di Elle
0 commenti

UNIONI CIVILI… Gioie e dolori

Nel giorno in cui la Corte Europea sanziona l’Italia, la paladina delle unioni civili Monica Cirinnà si lancia in una serie di Tweet poco edificanti. Ma queste unioni civili cosa prevedono esattamente? Siamo sicuri di poter parlare davvero di uguaglianza e di pari diritti?

La Corte Europea per i diritti umani di Strasburgo sanziona l’Italia che non garantisce alcun riconoscimento legale alle coppie gay e intanto anche la paladina delle unioni civili Monica Cirinnà, ultimo baluardo di speranza al quale aggrapparci in questo paese ostile, si mette sulla difensiva e pubblica su Twitter il documento sottostante, che vorrebbe fare chiarezza e gettare acqua sul fuoco delle polemiche, ma che per noi ha il sapore amaro della partita persa in partenza.

image

Continua a leggere →

palloncino

6 maggio 2015
di Elle
5 commenti

1 anno con Milo

Eccoci qua, sembra davvero incredibile ma siamo già arrivati al giro del primo anno.

Da pochi giorni Milo ha spento la sua prima candelina e noi gli siamo state accanto incredule ed emozionate.
Cosa ha significato questo anno? Penso di poter dire che è stato l’anno più intenso, più emozionante e più importante di tutta la nostra vita. E poi ci ha insegnato così tanto… Continua a leggere →

IMG_1180

13 gennaio 2015
di Elle
0 commenti

Un nuovo anno è iniziato ma…

… Le brutte abitudini nel nostro paese rimangono quelle dell’anno vecchio.

Il riferimento è all’ennesimo e odiosissimo segnale di chiusura da parte della Regione Lombardia. Per chi non avesse ancora avuto modo di leggere in merito, il 17 gennaio prossimo si terrà a Milano un convegno dal titolo “Difendere la famiglia per difendere la comunità“, intendendo non una difesa della famiglia nella sua accezione più ampia e inclusiva, dato che al dibattito parteciperanno i paladini delle battaglie contro i diritti delle famiglie e delle persone LGBT: Costanza Miriano, Mario Adinolfi, Massimo Introvigne, Padre Maurizio Botta, senza contare i fautori delle cosiddette terapie riparative, come “Obiettivo Chaire”. Il tutto con il patrocinio della Regione Lombardia e i saluti dell’assessore regionale alle Culture, Identità e Autonomie, Cristina Cappellini, del presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e del consigliere regionale primo firmatario della mozione che istituisce la “Festa della famiglia“. Continua a leggere →

Baby

17 novembre 2014
di Elle
2 commenti

“N” come… Normalità

Prima di essere due “diversamente mamme” che si battono per i propri diritti, siamo soprattutto una normale coppia innamorata e una normale famiglia!

Spesso ci viene chiesto di descrivere la nostra situazione: come funziona, chi fa cosa, se essere due mamme e due donne ci rende le cose più facili o più difficili, come ci sentiamo, come viviamo…
Milo ha quasi 7 mesi e il primo sostantivo che mi viene in mente per descrivere ciò che stiamo vivendo è NORMALITÀ.
Vi sembra strano? E invece è proprio così e vi raccontiamo perchè. Continua a leggere →

diversity

16 ottobre 2014
di Elle
0 commenti

SIAMO FORSE TUTTI SBAGLIATI?

Quando la realtà sbandierata da un certo tipo di propaganda omofoba e reazionaria, fa decisamente a cozzi con la realtà sociale.

Una parte d’ Italia fa un gran parlare del valore della famiglia tradizionale e di quanto quel nucleo formato da padre + madre sani, giovani, fertili, innamorati e con prole sorridente (possibilmente due figli, un maschio e una femmina) sia la rappresentazione del “naturale” e quindi giusto corso delle cose. Ma come spesso accade, tra il dire e il fare c’è di mezzo quel “mare” che poi rappresenta la realtà sociale circostante. A tale proposito provo a raccontarvi quali sono stati i miei compagni di viaggio in quella meravigliosa avventura che è stata il parto. Continua a leggere →

assistenza

18 settembre 2014
di Elle
0 commenti

IN SALUTE E IN MALATTIA…

Mi sono resa conto che troppo spesso l’opinione pubblica tende a pensare che i diritti che il popolo LGBT chiede, siano in qualche modo una sorta di presa di posizione. Una questione di principio che tutto sommato non ha risvolti così importanti sulla quotidianità pratica delle persone. Ma le cose non stanno affatto così. Io ho partorito oltre 4 mesi fa e a dispetto di un travaglio quasi da manuale, durato sì e no 5 ore, ho avuto un post partum da incubo. Continua a leggere →