LETTERA AL PREMIER MATTEO RENZI

| 12 commenti

Egregio Presidente Matteo Renzi,

non so se questa sia la giusta formula per iniziare una missiva diretta al Premier di questo paese, ma è la prima volta che scrivo ad un Presidente del Consiglio e, pur con tutto il rispetto dovuto al suo ruolo, ma tenendo conto della sua indole innovatrice e della volontà di conferire maggior dinamismo alla politica, sono certa non si formalizzerà su un incipit.

Sarà felice di sapere che a scriverle è una giovane coppia di Firenze, la sua città, la città che ha amministrato fino a pochi mesi fa e alla quale dice di aver dedicato il cuore.

Come lei, amiamo questa città e l’abbiamo scelta per viverci. Ci muoviamo per le vie con il rispetto che tanta bellezza discreta merita, con gli occhi pieni della pietra e delle colline che abbracciano ogni cosa. In questa città ci siamo formati, ci siamo innamorati e abbiamo scelto, un passo dopo l’altro, di costruire il nostro futuro.

Sarà felice di sapere che in un certo senso siamo l’incarnazione della generazione che lei ha in mente: giovani (under 40), laureati nei tempi, abbiamo lasciato subito dopo la laurea il comodo tetto familiare per farci le ossa nel mondo. Gavetta e precariato nei primi anni di lavoro non ci hanno spaventati e abbiamo deciso di rimanere in Italia perché abbiamo voluto scommettere sul nostro paese. Mentalità Europeista, l’inglese per muoverci nel mondo. Abbiamo condiviso con lei le stesse stragi di mafia in TV e osservato con la stessa rabbia l’immobilismo e le cancrene degli ultimi 30 anni di politica italiana.

Adesso, nonostante la crisi e la sfiducia dilagante, abbiamo un lavoro che ci piace, non siamo dovuti scendere a patti con le nostre inclinazioni e gli studi fatti, abbiamo una casa, un mutuo, ma soprattutto abbiamo un figlio di poche settimane e il cuore che scoppia di emozioni e di fiducia.

Insomma, detta così, sembriamo quasi un esempio dell’Italia che lei immagina per tutti i giovani di questo stivale, quasi un modello per un suo manifesto elettorale non trova? E invece, se osserviamo bene, nonostante l’impegno, l’ottimismo, l’onorabilità delle rate del mutuo mese dopo mese, il 730 in regola, la coscienza civile e tutto il resto, noi non veniamo considerati cittadini al 100% del paese che lei governa. Vuole sapere perché? Un’inezia, invece di essere una coppia formata da un uomo e una donna, siamo una coppia formata da due donne. L’amore, l’impegno, la determinazione, i sogni, le speranze sono le stesse, i diritti purtroppo NO.

foto(2)

Lei sa di aver preso un impegno con coppie come la nostra in campagna elettorale, lei sa che in parlamento c’è un disegno di legge su unioni civili e step child adoption che attende di diventare legge. Lei sa perfettamente che l’Europa della quale facciamo parte è l’Europa dei diritti civili e della lotta a ogni forma di discriminazione, eppure nonostante le numerose parole spese prima delle primarie, con tanto di twitter sulla coppia di mamme che fa parte del suo staff, ad oggi non ha ancora fatto cenno al tema dei diritti civili.

twitter

Come lei costantemente ama ripetere, questa è l’ultima chance che vi viene concessa di beneficiare della nostra fiducia, la misura è colma. È il momento delle risposte e non delle promesse elettorali, è il momento dell’azione e non della propaganda fine a se stessa. È il momento che il suo governo si assuma la responsabilità, in termini di approvazione di una legge chiara e definitiva, in merito agli impegni presi su unioni civili e tutela dei minori nati all’interno delle coppie gay.

Le ricordo inoltre Presidente, che il Presidente Obama, al quale lei guarda come un modello e dal quale ha preso in prestito il celebre motto “Yes, we can”, viene da un paese nel quale 50 anni fa i matrimoni tra bianchi e neri erano considerati INNATURALI e quindi ILLEGALI. Oggi in quel paese quell’uomo di colore, figlio di un uomo di colore e di una donna bianca ricopre il ruolo di Presidente al suo secondo mandato e si è fatto promotore di una campagna per la lotta a ogni forma di discriminazione nei confronti del mondo LGBT e del matrimoio ugualitario per tutti.

Le ricordo ancora Presidente, che nel giorno della sua vittoria alle primarie del PD, nel lungo e sentito discorso che dava l’avvio alla sua leadership nel partito, lei commemorava commosso la scomparsa di un grandissimo leader, a sua detta altra grande fonte di ispirazione per i suoi ideali politici, Nelson Mandela. Un uomo che è stato da sempre nel mondo uno dei simboli per eccellenza della lotta contro ogni forma di discriminazione e disuguaglianza.

Ora le chiedo, dato tutto quello che ci siamo detti e ricordati, lei da quale parte vuole stare?  Che posizione decide di prendere nei confronti delle promesse fatte e soprattutto della storia dei diritti civili di questo paese? Per cosa la ricorderemo tra una ventina d’anni? Per un leader che impresse una svolta in materia di progresso, uguaglianza e civiltà o per l’ennesima promessa elettorale alla quale fu concessa una fiducia mal riposta?

Nostro figlio è nato a Firenze poco più di tre settimane fa e adesso, insieme ad altre centinaia di bambini in Italia, attende una risposta proprio da lei Matteo!

Grazie.

12 commenti

  1. Ragazze, penso non avrei saputo fare di meglio.

  2. Siete veramente fantastiche. Siete una famiglia splendida. Vi ammiro.. Io ho 24 anni e ho già perso la speranza che qualcosa in questo paese possa cambiare. Con la mia ragazza discutiamo che forse tra una decina di anni qualcosa sarà cambiato in Italia, ma il futuro imminente non ci sembra molto roseo. Voi invece ci credete che un cambiamento possa avvenire ora e per questo vi ammiro. Forse voi siete delle grandi sognatrici.. Mi auguro che il vostro (ma anche nostro) sogno si possa realizzare presto.

  3. Brave. Tutte le madri, non sono quelle omosessuali, avrebbero il dovere di scrivere al presidente per ricordargli che è arrivato il momento di riconoscere le coppie omosessuali. Anche se mi auguro che venga finalmente esteso il matrimonio civile: in Sudafrica, il Paese di Mandela, le persone omosessuali possono contrarre matrimonio!

  4. Non avrei potuto scrivere meglio. I miei figli hanno 2 mesi e mezzo.

  5. Abbiamo dato visibilità alla vostra intelligente e necessaria lettera sulle pagine del nostro quotidiano. Qui trovate il link http://www.gaiaitalia.com/2014/06/01/coppia-lesbica-scrive-a-matteo-renzi-lei-ha-preso-un-impegno-con-le-coppie-come-la-nostra/ .
    Grazie.

  6. Sono con voi! Renzi ricordi che Sassoli, Toia e Costa (PD) hanno preso un impegno CONTRO le famiglie omogenitoriali attraverso il loro voto al Rapporto Estrela. E sono stati rieletti.

  7. Avete perfettamente descritto là storia di tante di noi che aspettano fiduciose…. Brave e coraggiose! Grande stima per voi!!!

  8. Ma dico, proprio voi che siete di Firenze, ma come avete fatto a votare uno come lui…? Ma come fate a credere a quest’uomo? Mah!

  9. Bellissima questa lettera, auguro a Matteo la forza di arginare tutte le lobbie che controllano la società italiana tenendola ancorata al medioevo.

  10. Brave! Ricordiamo a Renzi che le promesse e i patti vanno rispettati. Tutti, non solo il patto di stabilità… Al vostro bimbo un grande augurio di felicità, alle sue mamme un abbraccio pieno di speranza. Anche i mei figli hanno due mamme, proprio come voi. Festeggiano gli 11 anni e sono la nostra più grande gioia…

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.