13 gennaio 2015
di Elle
0 commenti

Un nuovo anno è iniziato ma…

… Le brutte abitudini nel nostro paese rimangono quelle dell’anno vecchio.

Il riferimento è all’ennesimo e odiosissimo segnale di chiusura da parte della Regione Lombardia. Per chi non avesse ancora avuto modo di leggere in merito, il 17 gennaio prossimo si terrà a Milano un convegno dal titolo “Difendere la famiglia per difendere la comunità“, intendendo non una difesa della famiglia nella sua accezione più ampia e inclusiva, dato che al dibattito parteciperanno i paladini delle battaglie contro i diritti delle famiglie e delle persone LGBT: Costanza Miriano, Mario Adinolfi, Massimo Introvigne, Padre Maurizio Botta, senza contare i fautori delle cosiddette terapie riparative, come “Obiettivo Chaire”. Il tutto con il patrocinio della Regione Lombardia e i saluti dell’assessore regionale alle Culture, Identità e Autonomie, Cristina Cappellini, del presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e del consigliere regionale primo firmatario della mozione che istituisce la “Festa della famiglia“. Continua a leggere →

17 novembre 2014
di Elle
2 commenti

“N” come… Normalità

Prima di essere due “diversamente mamme” che si battono per i propri diritti, siamo soprattutto una normale coppia innamorata e una normale famiglia!

Spesso ci viene chiesto di descrivere la nostra situazione: come funziona, chi fa cosa, se essere due mamme e due donne ci rende le cose più facili o più difficili, come ci sentiamo, come viviamo…
Milo ha quasi 7 mesi e il primo sostantivo che mi viene in mente per descrivere ciò che stiamo vivendo è NORMALITÀ.
Vi sembra strano? E invece è proprio così e vi raccontiamo perchè. Continua a leggere →

16 ottobre 2014
di Elle
0 commenti

SIAMO FORSE TUTTI SBAGLIATI?

Quando la realtà sbandierata da un certo tipo di propaganda omofoba e reazionaria, fa decisamente a cozzi con la realtà sociale.

Una parte d’ Italia fa un gran parlare del valore della famiglia tradizionale e di quanto quel nucleo formato da padre + madre sani, giovani, fertili, innamorati e con prole sorridente (possibilmente due figli, un maschio e una femmina) sia la rappresentazione del “naturale” e quindi giusto corso delle cose. Ma come spesso accade, tra il dire e il fare c’è di mezzo quel “mare” che poi rappresenta la realtà sociale circostante. A tale proposito provo a raccontarvi quali sono stati i miei compagni di viaggio in quella meravigliosa avventura che è stata il parto. Continua a leggere →

18 settembre 2014
di Elle
0 commenti

IN SALUTE E IN MALATTIA…

Mi sono resa conto che troppo spesso l’opinione pubblica tende a pensare che i diritti che il popolo LGBT chiede, siano in qualche modo una sorta di presa di posizione. Una questione di principio che tutto sommato non ha risvolti così importanti sulla quotidianità pratica delle persone. Ma le cose non stanno affatto così. Io ho partorito oltre 4 mesi fa e a dispetto di un travaglio quasi da manuale, durato sì e no 5 ore, ho avuto un post partum da incubo. Continua a leggere →

25 agosto 2014
di Elle
4 commenti

OLTRE L’IPOCRISIA

Forse non sono i gay a mettere in crisi la famiglia tradizionale, a quanto pare ci pensa benissimo da sola.

Dopo quasi 4 mesi di pannolini, ninna-nanne improvvisate e tantissimo latte, riusciamo finalmente a tornare con un nuovo post. Presto giuro che vi racconterò le gioie della nostra maternità al quadrato con il meraviglioso Milo, ma adesso le cronache estive mi hanno ispirato una riflessione un po’ più seria e mai come ora attuale.

Lungi da me fare della facile retorica, né strumentalizzare i recenti fatti di cronaca. Vero é, che risulta piuttosto difficile rimanere indifferenti al macabro susseguirsi di omicidi perpetrati da “insospettabili” padri di famiglia a danno dei propri figli. Continua a leggere →

30 maggio 2014
di Elle
12 commenti

LETTERA AL PREMIER MATTEO RENZI

Egregio Presidente Matteo Renzi,

non so se questa sia la giusta formula per iniziare una missiva diretta al Premier di questo paese, ma è la prima volta che scrivo ad un Presidente del Consiglio e, pur con tutto il rispetto dovuto al suo ruolo, ma tenendo conto della sua indole innovatrice e della volontà di conferire maggior dinamismo alla politica, sono certa non si formalizzerà su un incipit.

Sarà felice di sapere che a scriverle è una giovane coppia di Firenze, la sua città, la città che ha amministrato fino a pochi mesi fa e alla quale dice di aver dedicato il cuore.

Come lei, amiamo questa città e l’abbiamo scelta per viverci. Ci muoviamo per le vie con il rispetto che tanta bellezza discreta merita, con gli occhi pieni della pietra e delle colline che abbracciano ogni cosa. In questa città ci siamo formati, ci siamo innamorati e abbiamo scelto, un passo dopo l’altro, di costruire il nostro futuro.

Sarà felice di sapere che in un certo senso siamo l’incarnazione della generazione che lei ha in mente: giovani (under 40), laureati nei tempi, abbiamo lasciato subito dopo la laurea il comodo tetto familiare per farci le ossa nel mondo. Gavetta e precariato nei primi anni di lavoro non ci hanno spaventati e abbiamo deciso di rimanere in Italia perché abbiamo voluto scommettere sul nostro paese. Mentalità Europeista, l’inglese per muoverci nel mondo. Abbiamo condiviso con lei le stesse stragi di mafia in TV e osservato con la stessa rabbia l’immobilismo e le cancrene degli ultimi 30 anni di politica italiana.

Adesso, nonostante la crisi e la sfiducia dilagante, abbiamo un lavoro che ci piace, non siamo dovuti scendere a patti con le nostre inclinazioni e gli studi fatti, abbiamo una casa, un mutuo, ma soprattutto abbiamo un figlio di poche settimane e il cuore che scoppia di emozioni e di fiducia.

Insomma, detta così, sembriamo quasi un esempio dell’Italia che lei immagina Continua a leggere →

10 maggio 2014
di Elle
2 commenti

SIAMO UNA FAMIGLIA

Milo Valerio è nato il 3 Maggio 2014 alle ore 5:46.

Entrambe le mamme sono al settimo cielo e  io, che solitamente non sto mai zitta, non trovo le parole per esprimere una gioia così intensa e così immensa.
A dispetto delle regole, delle convenzioni e delle umane piccolezze io, Valeria e il piccolo Milo Valerio siamo una FAMIGLIA, ci sentiamo tali e ci incamminiamo tutti e tre a piccoli passi in questa nuova avventura. Tante cose ci portiamo dietro, una su tutte l’incondizionato amore che ci lega.
Adesso le mamme hanno bisogno di un po’ di calma per dedicarsi al piccolino, ma al tempo giusto torneremo con nuovi post.
Intanto SEGUITECI su la nostra pagina FACEBOOK “Diversamentemamme“.

GRAZIE A TUTTI DEL CALORE E DELL’AFFETTO CHE CI AVETE TRASMESSO E CHE STATE CONTINUANDO A MANIFESTARE!!!

23 aprile 2014
di Elle
0 commenti

DI MAMMA CE N’È UNA SOLA, FINO A QUANDO NON DIVENTANO DUE

Occorre avere molta pazienza per dare tempo a tutti di capire.

È un dato di fatto, perché i mutamenti sociali avvengano ci vuole tempo. Occorrono molta pazienza e perseveranza perché la collettività accolga il cambiamento. Il giudizio morale, che nella realtà dei fatti scorre attraverso un costante  mutamento, adattandosi ai tempi, ai luoghi e ai contesti, viene invece percepito nel presente come monolitico e immutabile.

Continua a leggere →

15 aprile 2014
di Elle
1 commento

APPUNTI DI UN VIAGGIO LUNGO 9 MESI

Uno sguardo indietro per ricordare da dove siamo partite

Ora che la gravidanza sta davvero volgendo al termine, viene spontaneo guardarsi indietro per osservare il percorso effettuato e in particolare vengono alla mente quei primi momenti, che adesso appaiono come aneddoti divertenti e lontani.

Continua a leggere →

4 aprile 2014
di Elle
0 commenti

TE LO DICO CHIARAMENTE…

Parlare apertamente può essere un valido antidoto contro ignoranza e omofobia

Io penso che le parole servano e le definizioni anche. Sicuramente non servono le etichette o gli stereotipi che talvolta auto-ghettizzano, tuttavia ritengo che dare un nome ad una determinata situazione, conferisca a quest’ultima una dignità ontologica concreta. Ecco perché ritengo sia utile utilizzare le parole giuste ed ecco perché sono convinta che sia importante non smettere di parlare. Non è vero che è stato detto abbastanza ed è ancor meno vero che è stato detto troppo. Sarà stato detto abbastanza, quando tutti in questo paese beneficeranno degli stessi identici diritti.
Continua a leggere →